Dismissione campo Rom . Fumetta (PRC): La positiva conclusione della vicenda conferma che Palermo è una anomalia politica rispetto al resto d’Italia

romPalermo 28 luglio – Con la firma dell’ordinanza sindacale relativa alla dismissione del “campo nomadi” la nostra città si conferma un’anomalia politica rispetto al resto d’Italia. E’ infatti sotto gli occhi di tutti ciò che accade a livello nazionale dove il governo reazionario -populista, di Salvini e Di Maio, chiude i porti individuando nei disperati che fuggono da guerra e miseria i nuovi nemici del Paese, così come è notizia di questi giorni che a Roma l’amministrazione comunale grillina, a guida Raggi, con una vergognosa azione di sgombero butta decine di famiglie in mezzo ad una strada. A Palermo invece l’amministrazione comunale concorda  con le famiglie un percorso di fuoriuscita dal campo nel rispetto in primo luogo dei diritti delle persone.  Lo  dichiara V incenzo Fumetta segretario provinciale di Rifondazione Comunista Palermo.  
L’esito positivo di questa decennale vicenda – conclude Fumetta – si deve anche alle insegnanti della scuola De Gasperi e ai volontari delle associazioni che in tutto questo tempo hanno lavorato ostinatamente all’integrazione nel tessuto della città degli abitanti del campo.